Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2014

Zero termico - Mazzocchini Paolo - wuz.it

È da oggi disponibile o ordinabile presso librerie e bookshop on line il mio primo libro di poesie ZERO TERMICO, edito da Italic Pequod (http://www.italicpequod.it/italicpequod/?p=2515%5D).

Anticipo qui un passaggio della quarta di copertina:

«Lo zero termico è lo stato intermedio tra l’acqua e il gelo. La fine del ghiacciaio o l’inizio del fiume. È il punto in cui la ragione e l’istinto si toccano. Qui la trasparenza del pensiero può intorbidarsi del flusso degli impulsi così come la liquida instabilità della coscienza può irrigidirsi nel cristallo della parola. È una condizione incerta, aperta in opposte direzioni: come l’età di mezzo in cui sono state composte queste poesie, sospesa tra i fuochi di un giorno che rilutta a spegnersi e l’ambigua, insidiosa seduzione della sera. Lo zero termico è la temperatura del vetro che unisce o separa le ombre bianche, severe dell’inverno dall’angolo in cui brilla ancora l’estate del simposio.»

Annunci

Read Full Post »

CAVE VERECUNDOS

Speciale ma rischioso è il fascino che timidezza e introversione esercitano spesso su di noi, perché ci lasciano facilmente immaginare – dietro il velo opaco della riservatezza – potenziali e inestimabili tesori, mentre magari nascondono reali e intollerabili difetti.

Read Full Post »

La letteratura, che è la più sincera delle finzioni, può ammettere l’insincerità solo a prezzo di annullare – automaticamente – se stessa.

Come a dire che quando uno scrittore scrive ubbidendo ad altri o ad altro che a se stesso, cioè alla necessità pura, fisiologica, di dare forma al proprio vissuto interiore, allora non riesce a scrivere niente di buono.

Non sarà per caso che i pezzi più riusciti di Virgilio nell’Eneide  (l’Iliupersis, Didone, Eurialo e Niso) siano anche quelli che pagano il prezzo minore ai suoi doveri di poeta di regime.

Read Full Post »