Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for agosto 2012

SULLA (META)LETTERATURA

La letteratura non esisterebbe se non esistesse il mondo.

Il mondo invece esisterebbe anche senza la letteratura.

Perciò non amo la letteratura che parla e si nutre troppo di se stessa.

Come se fosse essa stessa il mondo e non piuttosto la sua fata morgana.

La meta-letteratura in tutte le sue sofisticate forme è roba per oziosi accademici e per estenuati esteti.

La letteratura autentica è un albero che sparge l’odore delle sue chiome al vento, ma abbarbica ferocemente le sue radici nelle viscere della terra.

Annunci

Read Full Post »

FILOSOFI E POTERE

 

I filosofi non sono arrivati né arriveranno mai al potere.

Per fortuna.

Read Full Post »

SULL’ AMICIZIA (tre riflessioni)

 

Se siamo troppo amici della verità dovremo purtroppo, prima o poi, rinunciare all’amicizia degli esseri umani. Il guaio è che di amici in carne ed ossa, con tutti i loro difetti, non potremo alla lunga fare a meno. Invece, della inumana amicizia della verità – del suo fascino muto ed astratto – dopo un po’ non sapremo che farcene.

È naturale ma paradossale che generalmente le persone che più troviamo antipatiche e sgradevoli siano quelle che più di altre – a ben pensarci – ci sarebbero utili: quelle cioè che più di altre ci pongono impietosamente di fronte ad uno specchio. 

È davvero difficile che possa esistere amicizia profonda e disinteressata tra un uomo e una donna senza che, prima o poi – e finché, ovviamente, legge di natura lo consenta –, si insinui tra loro, sotto le più inaspettate metamorfosi, il dèmone di eros.

Read Full Post »

PORTA A PORTA

Pienezza ciclica del tempo, virtù

lustrale di giorni che tornano puntuali

a prescriverci liturgiche catarsi – organico

plastica lattine vetro organico

ancora – a governare in cerchio

l’ordinato purgatorio delle (dalle?) nostre

solide liquide centrifughe

immondizie quotidiane.

Read Full Post »

Credere che il nostro agire produca sempre, automaticamente e matematicamente, un risultato conseguente alle nostre intenzioni è una imperdonabile e pericolosa hybris – il segno inequivocabile di una presunzione di ‘divina’ e deterministica infallibilità di cui molta cultura moderna, nonostante il suo sbandierato laicismo, soffre non poco.

Troppe in effetti sono le variabili, interne ed esterne a noi, che interferiscono nella produzione di quel risultato senza che noi possiamo né prevederle né controllarle.

Ciò che aveva già intuito e rappresentato magistralmente (2500 anni fa) Sofocle nel personaggio di Deianira delle Trachinie.

[Questa riflessione vale particolarmente –  ancora una volta – per le cosiddette ‘scienze dell’educazione’, a proposito delle quali vd. il precedente post Uomini e lavatrici.]

Read Full Post »