Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘educazione letteraria’

Risultati immagini per Aristofane euripide

Il poeta deve nascondere il male, non metterlo in mostra, né insegnarlo. Ai bambini fa scuola il maestro, ai giovani la fanno i poeti. Dunque è nostro dovere non dire altro che cose oneste. (Aristofane, Rane, vv. 1053ss.).

Così il comico ateniese Aristofane fa dire ad Eschilo (che era il suo tragediografo preferito) per condannare Euripide e il suo (per i tempi – siamo nel V sec. A.C.) modernissimo realismo scenico. Aristofane scambia cioè la straordinaria capacità euripidea di rappresentare gli esseri umani così come sono per diseducativo incitamento alla trasgressione dei principi etici della tradizione. E la stigmatizza appellandosi a una concezione moralistica dell’arte tragica (che nella Grecia di allora era tradizionale e ancora diffusa) che pretendeva da essa il ruolo quasi scolastico di educatrice del popolo.

Sul piano estetico le posizioni di Aristofane sono da tempo superate. Ma sul piano pedagogico non direi che egli sollevi un problema per noi ormai del tutto inesistente. Anche oggi chi insegna ai giovani attraverso la letteratura può nutrire il dubbio se proporre o meno un grande autore che, come (o  peggio di) Euripide, rappresenti in maniera troppo cruda e diretta vizi, perversioni, meschinità, malvagità degli esseri umani, o esprima egli stesso (l’autore intendo) troppo apertamente nelle sue pagine sentimenti e pensieri poco consoni con l’elevato ideale etico ed antropologico maturato negli ultimi decenni dalla nostra civiltà. Si pone cioè, per dirla in sintesi con un termine alla moda, il dubbio del diritto di cittadinanza, nelle nostre scuole, per autori importanti ma oggi troppo politically uncorrect. Esiodo e molti altri greci antichi, per esempio, sono spudoratamente antifemminili. Tacito, Dante, Céline, Kerouac (per citarne solo alcuni in ordine sparso tra l’antico e il moderno) sono talora xenofobi e/o omofobi. Ovidio è spesso sessista. Machiavelli un immorale dichiarato. Quanto ai misoneisti reazionari e retrogradi, se ne trovano a iosa e a qualsiasi latitudine spazio-temporale.

Ma si tratta per lo più di un falso dilemma. Quando ci accostiamo alla letteratura o all’arte in generale, la presenza nell’opera di vere  o presunte pecche morali non può e non deve costituire motivo alcuno di censura estetica. L’arte vera – piaccia o no (e mi preoccupano molto quelli cui questo assioma non piace, come il vecchio Platone) – è al di sopra della morale, al di là del bene e del male proprio mentre (e perché) ne rappresenta, nella maniera più visibile e cruda e perciò, direi, paradossalmente e autenticamente educativa, lo scontro o l’intreccio.

Anche i più sacrosanti ed avanzati principi dell’etica dominante diventano invalicabili e ottusi pregiudizi – ideologici, bacchettoni o radical chic – quando giungano impropriamente a interferire col giudizio artistico. Perché impediscono l’accesso alla completa e profonda intelligenza delle grandi opere e ne possono favorire manomissioni ermeneutiche o appropriazioni ideologiche indebite o, peggio ancora, inaccettabili censure.

Certo: misura e gradualità in relazione all’età di chi ci sta davanti sono d’obbligo per chi propone pagine letterarie agli adolescenti. Ma bisogna sempre considerare che le verità che la grande letteratura ci squaderna sono sempre più educative di mille mediocri letture edificanti o conformiste, capaci soprattutto di alimentare l’ipocrisia. Che quello che si guadagna in maturità di visione, complessità di pensiero e profondità di sguardo leggendo certi autori è sempre, enormemente di più di quello che si rischia di perdere in (improbabile) purezza ed in (presunta) innocenza. E l’innocenza per parte sua va – prima o poi, con tutta la cautela e la misura che si deve – turbata e confusa, se si vuole aiutare una persona a diventare adulta.

Annunci

Read Full Post »

Risultati immagini per shakespeare otello           Risultati immagini per focaccine reazione catena

Il conduttore del quiz parla di un Moro di Venezia. Aggiunge poi altri particolari, come la gelosia ossessiva, Desdemona, l’equivoco di un tradimento, Shakespeare ecc.

Loro, le tre giovanissime concorrenti, studentesse universitarie, diplomate in un liceo del milanese (di quelli che secondo le statistiche dovrebbero rappresentare il top dell’istruzione italiana), prontissime e spigliate pluricampionesse del quiz (hanno già vinto molte migliaia di euro), stanno lì impalate, lo sguardo perso; qualcuna farfuglia risposte a caso (Ettore, Amleto…). La squadra rivale, composta di tre aspiranti ingegneri spaziali, non è da meno nel mostrare una totale, imbarazzante ignoranza sulla risposta da dare. Alla fine, dopo lunghi minuti di penosa esitazione, il nome Otello affiora chissà come sulle labbra di una concorrente, pescato senza convinzione da qualche angolo della memoria rimossa…

Non parlerei mai di un fatterello televisivo del genere se non fosse, ahinoi, emblematico della cultura letteraria giovanile italiana di questi ultimi decenni. Ci si chiede, con sgomento, come dei ventenni di formazione liceale, studenti universitari, menti in apparenza brillanti, possano ignorare il teatro di Shakespeare in maniera così (diciamolo) scandalosa. Puntare il dito sulla scuola è il primo, non ingiustificato, istinto: tanti progetti futuristici, tante innovazioni didattiche, sperimentazioni digitali ecc.. e poi si lasciano aperte, nel curricolo degli studenti superiori, voragini nella preparazione culturale di base. Tutto questo, inutile negarlo, può succedere, nella scuola italiana di oggi. Ma io credo che ci sia anche dell’altro: sciatteria, incostanza e superficialità nello studio che favoriscono una veloce, quasi immediata rimozione dei contenuti appresi, senza la minima e doverosa interiorizzazione (fondamentale sempre, ma specialmente per la letteratura); declino inesorabile della grande letteratura come modello e fondamento della formazione dei giovani, portati a sostituirla e a surrogarla oramai con altre forme comunicative più facili e/o rapide (la pop music, le instant news, i dibattiti sul web e sui social ecc.). Da noi ormai solo una sparuta minoranza legge, con lentezza e passione, libri. Ancor meno classici. Le librerie chiudono una dopo l’altra. I pochi frequentatori di biblioteche sono per lo più laureandi in cerca di testi utili alla loro tesi. Nient’altro. Una catastrofe culturale che nessuna aula 2.0 riuscirà ad evitare se non si riprenderanno in mano i testi sacri della grande letteratura. Dovranno (dovrebbero) farlo – pazientemente e amorevolmente – professori e studenti insieme. Dubito molto che accadrà.

Read Full Post »